COME CALCOLARE LA DATA PRESUNTA DEL PARTO

Quando nascerà il futuro bambino? Questa è una delle tante domande che si fanno le coppie quando scoprono di aspettare un bebè.

La data del parto in cui il neonato verrà messo alla luce è una data approssimativa e mai certa, non esiste una precisione matematica che predica la nascita.

Purtroppo non essendoci ancora ad oggi la possibilità di stabilire con esattezza il giorno della nascita, la data del parto viene definita presunta, partendo dall'assunto che la gran parte dei bambini che nascono a termine (ovvero non prematuri) nascono nei giorni attorno alla 40 settimana di gravidanza.

La data presunta del parto coincide con il giorno in cui la donna raggiunge le 40 settimane di gestazione. Per calcolare le 40 settimane di gravidanza è necessario conoscere il primo giorno dell'ultima mestruazione, e attraverso un'applicazione o un regolo ostetrico scoprire la data presunta del parto.

Qualora il medico ginecologo faccia una ridatazione della gravidanza, nel corso della prima ecografia ostetrica attraverso la misurazione della lunghezza del feto, si dovrà fare riferimento all'ultimo ciclo che il ginecologo vi fornirà come ultima mestruazione ecografica e conseguente data presunta del parto ridatata ecograficamente.

Tra le due date presunte del parto non bisogna fare confusione, perchè fa sempre fede quella ecografica qualora il medico decidesse di ridatare la gravidanza. Questo accade quando all'ecografia si evidenzia un feto più piccolo o più grande, in termini di settimane di gestazione, rispetto alle settimane calcolate in funzione dell'ultima mestruazione reale.

L'EPOCA GESTAZIONALE NEL CALCOLO DELLA GRAVIDANZA

Il calcolo della gravidanza viene effettuato tenendo conto dell'epoca gestazionale e non dell'epoca concezionale. Qual è la differenza? L'epoca gestazionale tiene in conto le settimane a partire dall'ultimo ciclo, e quindi delle settimane in cui l'embrione non era ancora stato concepito, ovvero il tempo prima dell'ovulazione.

L'epoca concezionale consiste nelle settimane che decorrono a partire dalla data del concepimento. Poiché la data del concepimento non è mai certa, nonostante si abbia avuto un singolo rapporto durante il mese, si utilizza sempre l'epoca gestazionale. Il concepimento non è mai una data certa, perchè l'embrione può essere stato concepito qualche giorno prima o qualche giorno dopo l'avvenuta ovulazione o l'avvenuto rapporto sessuale.

Questo fenomeno accade perchè la vitalità dell'ovulo femminile e la vitalità dello spermatozoo maschile, è di un paio di giorni. Ciò comporta una finestra temporale in cui il concepimento può avvenire. A questo si aggiunge l'irregolarità dei cicli mestruali, che non sempre hannoun intervallo regolare tra due cicli di 28 giorni; la dimenticanza dell'ultimo ciclo, o l'inserimento dell'ultimo giorno dell'ultimo ciclo al posto del primo giorno dell'ultimo ciclo.

DPP ANAMNESTICA E DPP ECOGRAFICA

Per stimare il giorno del parto il medico utilizza le informazioni che voi gli fornite durante la prima visita ostetrica. La data che voi fornite al medico come ultima mestruazione produce l'informazione della data presunta del parto anamnestica.

Attraverso la prima ecografia il ginecologo valuta se l'epoca gestazionale calcolata a partire dall'ultimo ciclo che voi avete fornito, coincide con l'epoca gestazionale che rileva all'ecografia. Se queste due epoche non corrispondono, il medico ridata la gravidanza e fornisce una nuova data presunta del parto che si chiamera DPP ecografica.

Per non sbagliare ricordatevi di inserire nell'ultimo ciclo il primo giorno e non l'ultimo, di segnarvi in un'agenda o una semplice app i cicli dell'anno in modo da calcolare la media dei giorni che intercorrono tra un ciclo e un altro.

Infine ricordatevi di inserire l'ultima mestruazione fornita dal ginecologo, qualora la gravidanza venga ridatata. Tutto ciò per non incorrere in errori e quindi ottenere una data presunta del parto non attendibile.

CALCOLATORE DATA PRESUNTA PARTO

IL SIGNIFICATO DELLA DATA PRESUNTA DEL PARTO

La data del parto viene considerata presunta e non certa, poiché è solo indicativa del periodo in cui nascerà il vostro bambino, considerato che viene calcolata rispetto a una gravidanza standard di 280giorni dall'ultima mestruazione.

Si stima che circa il 5% dei bambini nascono infatti esattamente quel giorno. Una gravidanza fisiologica a termine si considera dalla 37 settimana alla 41 settimana di gravidanza.

La data presunta del parto è un'informazione che consente una corretta gestione ed assistenza alla partoriente, poiché un parto pretermine o una gravidanza protratta (oltre la 40 settimana) implicano un monitoraggio e un'assistenza prenatale differenti rispetto a quelle che nascono a termine.

I rischi per la madre e per il feto aumentano quando quest'ultimo nasce prematuro (ovvero prima della 37 settimana) o quando la gestazione procede oltre la 41 settimana. Sapere esattamente l'epoca di gravidanza permette quindi di ridurre tali rischi, garantendo adeguate cure e programmando i controlli previsti per mamma e bambino.

È inoltre in funzione della data presunta del parto che il ginecologo e l'ostetrica programmano i controlli previsti durante la gestazione (visite, esami, ecografie..), poiché ad ogni epoca di gravidanza corrisponde una precisa fase di crescita del bambino.

LA DURATA DELLA GRAVIDANZA

Ricordando che è sempre una durata approssimativa, poiché non si sa il giorno esatto in cui il bambino nascerà, possiamo cosi riassumere:

Se consideriamo l'epoca gestazionale, la durata viene espressa in settimane, 40 settimane esatte che equivalgono a 280 giorni. Può essere quindi considerata in 9 mesi solari più una settimana

Se consideriamo l'epoca concezionale la durata viene espressa in settimane, 38 settimane esatte che equivalgono a 266 giorni (ricordiamo che non è mai una data certa, tranne nei casi di procreazione medicalmente assistita).

Ricorda: il calcolo della data presunta del parto (DPP) può essere fatto dalla donna o dalla coppia ancora prima del controllo medico, ma quest'ultimo attraverso il controllo ecografico fortemente raccomandato e l'esito degli esami di laboratori (es. BETA-HCG) definirà con esattezza la vostra data presunta del parto.

Disclaimer - Termini e condizioni